L’Ultima Frontiera

Il mio viaggio in Alaska è stato una delle avventure più belle nella natura. Ho sognato l’Alaska sin dai miei primi mesi negli Stati Uniti quando, durante il mio primo viaggio a Philly, ho visto una mostra fotografica presso il Museo d’Arte e un sacco di foto spettacolari dell’Alaska erano esibite. Lì mi sono detta: Io ci devo andare! Ho viaggiato molto durante i miei due anni e quindi non c’era destinazione migliore per il mio travel month. Il fatto che l’Alaska sia costosa non è un mito. Questa è probabilmente la vacanza più costosa che io abbia mai fatto e per darti un’idea probabilmente circa $3000 per due settimane. Tuttavia non rimpiango neanche un centesimo. Vi farò vedere alcune foto, ma secondo me non sono abbastanza per esprimere l’incredibile bellezza di quel posto.
È anche vero che bisogna essere molto preparati e attrezzati per viaggiare in Alaska perché può essere pericoloso per davvero e dopo giorni di ricerche e google ho deciso di non andarci da sola perché non mi sentivo abbastanza preparata e quindi sono andata con TrekAmerica. Inutile dire che la guida che viene assegnata fa la differenza e io sono stato molto fortunato ad averne uno straordinaria, Mike Harding. Non era la sua prima volta in Alaska e la sua esperienza e la sua preparazione si sono visiti. Inoltre ha prestato attenzione ai desideri e le esigenze di tutti e questo ha reso il mio viaggio indimenticabile.
Beh, cominciamo. Sono andata a Luglio e in questo periodo dell’anno ci sono quasi 24 ore di sole. Qualcosa di incredibile che ti rende pieno di energia e mai stanco.

DAY 1- Anchorage
Il mio volo era da NYC ad Anchorage Ed è durato un giorno intero. Sono arrivato a tarda notte e grazie ad un amico, sono potuta stare da un suo parente per i miei primi giorni. Questo è stato già un buon inizio perché ho potuto risparmiare i soldi del pernottamento e ho avuto modo di vedere dal vivo la vita degli abitanti dell’Alaska.
GIRWOOD FOREST FAIR: Deve essere una fiera molto famosa che si svolge ogni anno (lo so perché quando cercavo un couchsurfuer tutti mi hanno risposto che non erano ad Anchorage in quei giorni, ma alla fiera e perciò non potevano ospitare) e si è tenuta in una sorta di parco in mezzo ad un sacco di alberi. Non la classica location per una fiera. Abbiamo mangiato dello street food, guardato tutti gli stand che vendevano prodotti fatti a mano e persino alcuni spettacoli tenuti da artisti di strada.
BELUGA POINT SITE: Ci siamo fermati mentre tornavamo ad Anchorage e abbiamo anche visto la Bore!

Nel tardo pomeriggio siamo tornati ad Anchorage e siamo andati a comprare del salmone fresco per cena. Chiaramente il migliore che io abbia mai avuto ed era anche perfettamente cucinato
Dopo cena il figlio della coppia che mi ospitava (un paio di anni più giovane di me) mi ha portato a vedere la città, tanto non era mai buio.
DOWNTOWN ANCHORAGE: è piccolina e non c’è molto da vedere, ma vale la pena farci una passeggiata.

DAY 2 – Anchorage
Anchorage ha un bellissimo percorso che va lungo tutta la costa. La famiglia con cui stavo con me mi ha prestato bicicletta così l’ho percorso tutto.
TONY KNOWLES COASTAL TRAIL – Entrata a W 2nd Ave, Anchorage, AK
KINCAID PARK – 6998 Raspberry Rd, Anchorage, AK 99502-1858
Ho pedalato dal primo parco fino al secondo ed è stato molto bello. La vista lungo il percorso era stupenda e ho anche visto mamma alce con il suo piccolo da molto vicino. Erano solo a pochi passi di distanza.

DAY 3 – Kenai
Oggi incontro finalmente i miei compagni di viaggio e Mike e dopo le presentazioni e la firma di alcuni documenti abbiamo iniziato la nostra avventura.
BEAR MOUNTAIN TRAIL
Lungo il nostro tragitto verso Homer ci siamo fermati per camminare su da questo bel sentiero. Non è molto lungo, ma è molto ripido, tuttavia la vista è incredibile e merita davvero la fatica per arrivare fino su. Si potrebbero incontrare degli orsi lungo il percorso. Io ho usato la mia bear bell, per fargli sapere che eravamo lì.

DAY 4 – Homer
Homer è il capitale mondiale della pasca di Halibut e se vuoi puoi andare a pescarlo con dei pescatori professionisti.
Io ho deciso di visitare semplicemente la città, tutti i negozi dello Spit, il porto e poi andare a fare una passeggiata.
Homer è anche la città dove la strade americane finiscono, e noi abbiamo guidato fino alla fine!
KACHEMAK BAY
BELUGA SLOUGH TRAIL – BISHOPS BEACH
Sono due spiagge e si possono trovare diverse persone che ci passeggiano. Abbiamo trascorso un paio d’ore in entrambi i posti
SALTY DAWG SALOON – 4380 Homer Spit Rd, Homer, AK 99603, USA
È noto per essere il bar più famoso di Homer e infatti era pieno. Ci siamo fermati per un drink e per rilassarci.

DAY 5 – Seward
Il nostro primo giorno a Seward, anche se un po’ piovoso è stato stupendo. Pieno di attività bellissime e le ho adorate tutte. Nel tardo pomeriggio, invece siamo andati in centro e a caccia di souvenir.
EXIT GLACIER
Non è un’escursione lunga o faticosa, ma una volta in cima si può vedere il ghiacciaio da molto vicino. Quello che ho trovato molto interessante sono stati tutti i cartelli che mostrano e spiegano quanto il paesaggio è cambiato e il ghiacciaio sia diminuito a causa dei cambiamenti climatici degli ultimi anni. Davvero impressionante
IDIDARIDE DOG SLED TOUR
Anche se non c’era più neve sul sentiero, il tour è molto divertente.
Una volta arrivati all’associazione, abbiamo incontrato i cani e siamo stati divisi in gruppi. Eravamo circa 6 per slitta. I cani erano super eccitati di correre, veramente forti e persino divertenti. E’ stato un percorso di 2 miglia e dopo abbiamo avuto modo di coccolare i cuccioli che erano nati da poco. Dopo alcune coccole abbiamo avuto un lezione in cui ci è stato insegnato tutto sui cani, sullo sport e anche su come funzionano le competizioni. Non è stato eccessivamente lungo ed è stata la conclusione perfetta dell’attività. Lo consiglio vivamente.

DAY 6 – Kenai Fjords
MAJOR MARINE CRUISE
L’intera giornata è stata dedicata alla crociera e probabilmente grazie al tempo fresco e piovoso abbiamo visto un sacco di animali! Un’esperienza davvero incredibile!
Mentre navigavamo intorno ai fiordi, il paesaggio era semplicemente incredibile. La guida che avevamo era molto ben preparata. Ci ha raccontato molte curiosità su ghiacciai, fiordi e animali e ogni volta che ha avvistava una balena, un puffin o un’orca ce lo comunicava al microfono in modo che potessimo uscire a vederli e fare delle foto. Il traghetto rallentava o si fermava ogni volta che c’era qualcosa di bello e quindi abbiamo apprezzato ogni singolo momento della crociera e senza sentirsi la fretta addosso.
Nel tratto di navigazione più lungo senza paesaggio hanno servito il pranzo. Ciò ci ha permesso di non perdere alcuna vista o animale e tutto era veramente buono. Ho mangiato il salmone e l’ho trovato molto buono.

DAY 7 – Talkeetna
Abbiamo guidato la maggior parte della giornata per raggiungere Denali, ma ci siamo fermati a Talkeetna. È una piccola città poche ore prima di arrivare a Denali, probabilmente l’ultima. E’ molto turistica a mio parere, infatti era piena di gente e ci sono molti negozi lungo la strada principale. Da lì, se il cielo è pulito puoi avere una bella vista di Denali. Ci è capitato di essere abbastanza fortunati in quanto pochissime persone possono dire aver visto Denali visto che è sempre coperto dalle nuvole. Noi abbiamo potuto vedere la vetta e anche se era in parte coperta è stato comunque molto emozionante.

DAY 8 – Denali
Altra giornata indimenticabile. Abbiamo fatto uno shuttle tour all’interno del Parco Nazionale di Denali e non solo il parco è bellissimo, con montagne incredibili e viste impressionanti che ti fanno sentire così piccolo in un mondo enorme, ma abbiamo anche visto un sacco di fauna. Ogni volta che qualcuno sulla shuttle avvistava qualcosa doveva gridare “stop” in modo che lo shuttle potesse fermarsi e noi potessimo fare foto o semplicemente guardare. Il mio momento preferito è stato quando abbiamo visto mamma grizzly con i suoi tre cuccioli poco lontano da noi.
Allo Eielson visitor center c’era una delle viste più belle per fare foto e ammirare la bellezza del parco.
49th STATE BREWERY a Healy. Lì, c’è la ricostruzione originale del bus di Into the Wild, quindi ci siamo fermati a fare diverse foto con tutto il gruppo prima di cena.

DAY 9 – Denali, Tangle Lakes
Ho trascorso la mia mattina facendo ancora delle escursioni a Denali e nel pomeriggio abbiamo guidato fino a Tangle Lakes dove ci siamo fermati per trascorrere la notte, ma prima siamo andati a camminare anche lì.
Tutti i sentieri hanno avuto sentieri e paesaggi meravigliosi e sono contento di averli fatto
HORSESHOE LAKE TRAIL – Denali
TAIGA TRAIL AND MEADOW VIEW TRAIL – Denali
Queste due escursioni di Denali erano collegate e insieme erano lunghe circa 7 miglia. Il tempo era anche soleggiato e caldo. Un modo perfetto per iniziare la giornata
MCCLAREN SUMMIT TRAIL – Tangle Lakes
È tutta tundra, qualcosa di molto diverso da tutte le escursioni precedenti.

DAY 10 – Wrangell St. Elias, McCarthy
Abbiamo trascorso un altro giorno in auto per raggiungere l’ultima tappa del nostro viaggio. Il Parco Nazionale Wrangell St.Elias. La strada non era asfaltata e la nostra guida ci ha detto che molto spesso le auto bucano su quel tragitto e anche a lui è successo in passato. Infatti abbiamo portato pneumatici extra nel caso in cui fossero serviti. Sarebbe stato un peccato rovinare il nostro viaggio a causa di una gomma a terra!
Abbiamo perciò dovuto guidare molto piano, ma alla fine ce l’abbiamo fatta.
McCarthy è una città incredibilmente piccola (133 abitanti nel 2014), ma ha il fascino di un vecchio, e fermato nel tempo, villaggio. Nel nostro tempo libero abbiamo camminato su e giù per la strada principale e siamo andati a mangiare nell’unico ristorante che c’era e non è stato male.

DAY 11 – Kennecott
Il mio ultimo giorno in Alaska non poteva essere più indimenticabile. Ho camminato metà giornata sul Root Glacier e l’altra metà ho fatto il Mill Tour.
ROOT GLACIER
E’ stato semplicemente incredibile. Una volta arrivati alla baita di ritrovo ho presto tutta l’attrezzatura necessaria e poi abbiamo camminato per raggiungere il ghiacciaio. Durante la passeggiata abbiamo iniziato a socializzare con la guida che ci ha raccontato tante curiosità ed informazioni.
Poi abbiamo messo i nostri ramponi e iniziato l’escursione. I colori, i fiumi, i canyon … tutto veramente stupendo. Vicino all’ora di pranzo abbiamo fatto un pic-nik sul ghiacciaio e la guida ha portato cioccolata calda per tutti.
E’ stata una mattina veramente bella e credo che tutti dovrebbero fare un’esperienza simile.
MILL TOUR
Il Mill tour ha concluso la giornata ed è stato bello imparare tutto sulla “fabbrica” e quanto importante kennecott era in passato

DAY 12 – Anchorage
Siamo tornati ad Anchorage e lì c’era il mio volo che mi avrebbe portato a casa.

DOVE HO DORMITO
Nessun posto era un hotel di lusso. Tutti avevo un lo charm spartano dell’Alaska, e onestamente non è stato male dato il tipo di viaggio.
ANCHORAGE: Casa di amici
HOMER: Seaside Farm
SEWARD: Moby Dick’s 
DENALI: Denali Motel and RV 
TANGLE LAKES: McClaren River Lodge 
WRANGLELL ST. ELIAS: Lancaster 

COSA MANGIARE
Chiaramente bisogna provare il salmone e l’halibut.
Per il resto Mike ha cucinato quasi tutti i pasti e non solo è stato un ottimo cuoco in grado di fare miracoli con quello che avevamo, ma il cibo era ottimo e ci ha fatto risparmiare qualche soldo.

Beh che dire ora? Godetevi l’Alaska. Rimarrà per sempre nei vostri cuori.
Susa

Lascia un commento