Primo mese: Passed

Ciao a tutti!
Il mio primo mese si è concluso e così ecco il mio riepilogo mensile per raccontarvi come stanno andando le cose.

UMORE
Non mi manca affatto l’italia e non rimpiango aver lasciato il mio lavoro, sopratutto perché ho lasciato il mio posto ad una persona valida che se lo merita e comunque vista la crisi che c’è dal punto di vista economico e contrattuale non ho perso nulla. 984259_609137079106169_595680076_nMi manca però la cucina di mia mamma, (pane e pasta in particolare, uno dei giorni a venire, mi sa che mi farò un bel piatto di pasta al ragù), anche se qua  mangio molto bene e abbracciare il mio cane che mi aspetta tutte le volte che torno a casa.
Mi manca anche un po’ parlare italiano e uscire di nuovo il we con miei amici visto che ora ho di nuovo i soldi per farlo. Diciamo che le mattine in particolare mi sento un po’ sola e annoiata, ma forse solo perché devo ancora iniziare a frequentare i corsi

HOST FAMILY
I miei host parents sono sempre gentili e carini con me, mi includono in tutte le attività che fanno e mi aiutano sempre se ho qualche dubbio o qualche cosa che non mi è chiara.
I miei host kids sono dei bravi bambini, non sono quelli di alcuni racconti che mi ignorano o mi dicono tornatene a casa perché non sei nessuno. Ne tanto meno hanno mai cercato di uccidermi lanciandomi qualche oggetto addosso. Ovviamente come tutti i fratelli spesso litigano tra di loro e fanno orecchie da mercante a meno che non li minaccio di incombere in una punizione, quindi dopo qualche minaccia ritorna la pace e la tranquillità (almeno per qualche altro minuto XD). L’unico problema attuale risulta essere il giorno della piscina.

INGLESE
Il mio inglese penso sia sempre terribile e pieno di errori. Ho sviluppato, però, molto bene l’udito, quindi ora capisco molto più di prima, sia quando qualcuno mi parla che quando guardo la tv senza sottotitoli.
Ho imparato, e ricordato, tutta una serie di vocaboli, sia grazie ai bambini che ai genitori. Quando mi dicono qualcosa e gli dico che non so cosa sia o cosa voglia dire me lo spiegano o mi mostrano l’oggetto.
Per citarvi qualcosa: weird, shutters, whining, eggplant, actually, closet, greens, bathsuit, grown up….

VITA SOCIALE e TEMPO LIBERO
Questo mese ho avuto quasi tutti i we impegnati ed in generale ho conosciuto diverse au pair e americani che abitano nella mia città:
29/7 Come forse ricordate, sono andata alle cascate con un’au pair che abitava vicino a me, i miei kids, la mia ex au pair e il marito.
04/7 Ho festaggiato il 4 luglio con le altre au pair e ho partecipato ad un party per salutare un’au pair che ha finito i suoi due anni e dare il benvenuto al suo nuovo sostituto.
05/7-06/7 C’è stata la mia festa di benvenuto dove marty è venuta a trovarmi. 10479611_10152569168883523_1501843066989748796_n
12/7 sono andata al concerto di Bruno Mars che è stato molto divertente, inoltre per raggiungere il luogo dell’evento ho fatto la mia prima lunga guida sul suolo americano.
13/7 ho cucinato gli gnocchi con i miei kids. Sono venuti buoni come quelli che facevo in italia, anche se erano molto informi e giganti poiché i miei bimbi li tagliavano grandi e li schiacciavano con troppa forza 🙂 who cares, loro si sono divertiti!
15/7 ho partecipato ad un pajama dinner, insomma una cena normale, ma eravamo tutti in pigiama al ristornate. Because in america you can!10401433_10202378966417580_2007821111620649263_n
26/7 – 28/7 il sabato sono andata ad un party in piscina dallo zio dei miei host kids e la domenica ho cucinato perchè mi annoiavo.

VIAGGI
Essendo il mio primo mese non ho fatto nessun viaggio, anche perché non ho ancora soldi, ma sto programmando di andare a Philadelphia il mese prossimo

ACQUISTI CONVENIENTI
Ho comprato il mio portatile nuovo, con l’aiuto del mio host dad, per riempire un po’ le noiose mattine, scrivendo il blog, pianificando viaggi e cercando cose interessanti da fare in zona sia per me che per i miei host kids. Ho speso 520$ comprese le tasse.

La Vostra Au Pair
Susa

 

8 pensieri su “Primo mese: Passed

  1. Claudia ha detto:

    Ciao ragazze! Ho visto che entrambe avete comperato il pc negli Usa. La mia domanda probabilmente stupida.. Ma se io ce l’ho già un portatile , porto il mio? Nel senso che poi funzionerà negli States?? Immagino che voi l’abbiate comprato lì perché forse non avevate un portatile a casa.. Correggetemi se sbaglio :):) scusate la domanda stupida

    • Chalk & Cheese ha detto:

      Solo io, Susa, ho comperato il pc. Martina ha comprato l’iphone. Io ho comprato il portatile perchè a casa avevo solo il fisso, quindi ho deciso di comprarlo negli States per due motivi:
      1) mi conveniva economicamente.
      2) avevo meno cose da portarmi dietro in valigia e quindi più spazio.
      Martina ha comprato l’iphone solo per il fatto che in america conviene di più. Si è invece portata il pc perchè già lo aveva e funziona senza problemi! Ricordati però che le prese sono diverse! ti servirà quindi avere dietro l’adattatore!

  2. Agnes Frazzetto ha detto:

    Ehi Susa mi fa troppo piacere che il tuo primo mese è andato alla grande e che ti stai trovando bene sia con la famiglia che con i bimbi.. Anche la tua vita sociale va alla grande, dato che per essere il primo mese hai già fatto tante cose diverse nei we 😀 Sono contentissima per te.. Un bacione dall’Italia <3

    • Chalk & Cheese ha detto:

      si, anche io sono un sacco contenta! penso che una volta risolto il problema della piscina non ci sia nessun altro problema!!!
      Cmq questo primo mese è volato!! l’importante è tenersi occupati!!

      • Agnes Frazzetto ha detto:

        Ma sono i bambini il problema in piscina? Cioè sono troppo euforici e quindi hai paura di quello che potrebbero combinare? Comunque dai qualunque sia questo problema con la piscina credo lo risolverai! 🙂

        • Chalk & Cheese ha detto:

          no, il problema è che tutti i martedì dopo la piscina quando è ora di tornare a casa scappano verso la macchina senza aspettarmi. E siccome ho due borse non posso correre più veloce di loro per braccarli e quando gli dico di aspettare fanno orecchie da mercante. ieri li ho sgridati un sacco in macchina e non hanno fiatato per tutto il viaggio. A casa pure il papà gli ha detto che sono incoscienti. Loro hanno promesso di non farlo più, ma nel caso martedì prossimo ripasseremo bene le regole prima di dire: possiamo andare.

Lascia un commento