Se la sfiga ha un nome si chiama Mapu

News news: ecco cosa è successo in questi giorni!
Allora riassumendo
1. sabato la mamma mi ha detto che ha sentito queste voci del lago dove si diceva che io non badavo ai bambini, era molto arrabbiata ma ha detto “ok ti diamo una seconda possibilità“. 1560692_10203097404970676_5041411907837559647_n
2. Io ho pensato a questo tutto il giorno e ho deciso che non volevo una seconda possibilità ma andare direttamente in rematch e trovare una nuova famiglia visti anche i problemi con il bambino… Quindi domenica mattina sono andata da lei a dire che se loro non si fidano di me la mia presenza li è inutile ed è meglio se trovano una persona a cui affidare la loro fiducia e lei sorridendomi mi ha detto ” ok, se pensi che questa sia la soluzione va bene“.
3. A fine giornata mi chiama l’area director dicendo che ha parlato con la mamma e le ha detto che lei vorrebbe tenermi con loro e che ho due scelte: o rimanere con loro oppure andare a casa senza passare dal rematch.. Panico!!
4. Sono andata subito a parlare con la mamma ma non ho fatto neanche in tempo ad aprire la bocca che mi ha attaccato dicendo che non voleva assolutamente darmi una seconda possibilità ma che dovevo tornarmene al mio paese subito (esatte parole). Al chè disperata sono andata in camera e ho di nuovo chiamato l area director spiegandole ciò che mi aveva detto e lei è rimasta molto perplessa! Mi ha detto che non aveva capito che la mamma volesse mandarmi via e l’avrebbe richiamata!
5. Dopo che la mamma ha ricevuto la chiamata della responsabile è di nuovo stata gentile con me ma io davvero non posso rimanere in una casa dove so che non sono voluta! Un conto è lavorare e poi tornare a casa propria, un altro fatto è dover vivere a stretto contatto con loro!!
6. Dopodiché ho fatto il colloquio con la lcc e la host mum ma ci sono stati alcuni punti che davvero non mi sono andati giù:10532542_10203098210350810_2023641558571312046_n
1) La host mum mi accusa di essere stata nella macchina invece che in spiaggia con loro. Io che sono sempre onesta ho detto che un giorno sono stata a sistemare i giochi dei bambini nella macchina ma da dov’ero potevo benissimo vedere i bambini. Al che la lcc ha chiesto alla mamma se fosse vero che dalla macchina potevo vedere i bimbi e lei ha risposto ” si, il lago e la spiaggia sono molto piccole perché è una spiaggia privata e il parcheggio dà direttamente sulla spiaggia senza barriere quindi poteva vederli“. Io per questo fatto mi sono scusata perché forse avrei dovuto prestare più attenzione anche se erano 5 bambini con 2 bagnini e 1 istruttore di nuoto e io potevo vederli ma la lcc mi ha detto “capisco, non li hai messi in pericolo ma stasera ti chiamerà il mio boss e ti consiglio di dire che hai capito quando sei stata poco attenta e quanto hai messo in pericolo loro e ti penti di questo”
2) sono stata accusata di fare Skype durante le lezioni di tennis. Io che dico sempre la verità ho detto che ho fatto Skype mentre loro erano all’interno del campo insieme all’istruttore ma ero sulla panchina di fronte al campo e potevo vederli. Ad esempio d inverno che loro vanno a karatè mi è stato detto di portarli e riprenderli ma nell’ora dello sport potevo andare via perché loro erano con un istruttore, e quindi io pensavo che io tennis funzionasse uguale anche se non me ne sono mai andata ma sempre stata li! Ho anche detto che ero sempre da sola perché le mamme degli altri bambini se ne andavano sempre.. A questo non hanno risposto
3) la mamma mi ha chiesto riguardo la scomparsa di matthew di qualche settimana fa. Praticamente un giorno m era arrabbiato ed é andato via senza dire nulla e io l’ho visto ma mi sono girata per dire all’altro bambino “lets go” e quando mi sono rigirata M non c’era più! La mamma mi ha accusato di essere stata al telefono e per questo non l’avevo visto. Io ho risposto con calma che non avevo nulla con me e se non mi credeva poteva chiedere ai bimbi com’era andata… Silenzio anche in questo caso!

A questo punto attendo la telefonata el capo supremo che sta già parlando con la mia agenzia italiana.. non mi resta che aspettare… ma, dato che le sfighe non vengono mai da sole, stamattina mi ha chiamato la banca dicendomi che qualcuno mi ha clonato la carta e devono investigare quindi non potrò avere i miei soldi finchè non avranno investigato!! peccato che non so neanche se sarò ancora qui oppure no!

Beh prendiamola positiva, se supero quest’esperienza, in qualunque modo vada… io sarò molto più forte!!

Uh mi sono anche dilettata con i video nella mia depressione quindi se volete guardarli potrete trovarli qui, qui e qui!! (lo so, sono bruttissima ma se mi fossi truccata e messa a posto non avrei ingannato cmq nessuno)

9272_10203088845676699_6687957466071348894_n

La vostra au pair sfigatella Mapu

10 pensieri su “Se la sfiga ha un nome si chiama Mapu

  1. Lu ha detto:

    Scusa ma la tutela offerta da questa agenzia mi pare veramente nulla, com’erano i termini del contratto? Io non ho mai messo fuori casa un’au pair nel cuore della notte e ti garantisco che una mi ha combinato cose abbastanza rilevanti. Manda una raccomandata (o qualcosa di simile) dove esprimi le tue doglianze.

Lascia un commento