Prime Guide negli States: ecco le nostre difficoltà

Come tutti saprete, gli americani hanno una predilezione per i macchinoni grossi e il cambio automatico, ovvero un mondo completamente diverso dal nostro che normalmente guidiamo utilitarie con il cambio manuale!! La guida spaventa molte au pair ma è un requisito fondamentale poiché quasi tutte le famiglie richiedono di scarrozzare i pargoli a scuola o nelle attività extra curriculari. Ecco come sono state le nostre prime guide:

SUSA:
Prima di iniziare a guidare ho accompagnato la mia au pair un paio di volte da casa a scuola e viceversa per studiare il percorso e iniziare a capire le regole della strada. Dopo un paio di giorni ho deciso di fare la mia prima guida al ritorno da scuola, senza bambini, così nel caso, da non metterli in pericolo. SUBARU OF AMERICA, INC. FORESTERLei è stata molto paziente, mi ha insegnato un po’ di regole, mi ha comunicato man mano il percorso e le corsie da tenere. Per fortuna la mia macchina è un suv piccolino (un subaru forester) quindi anche se è il doppio della mia y non è una cosa enorme ed ingestibile, inoltre non è appena uscito dalla carrozzeria, anzi è un po’ ammaccato, e questa cosa mi fa sentire molto a mio agio. Ovviamente ha il cambio automatico quindi mi sono dovuta far spiegare come funzionava, inoltre, guido con una gamba sola per non confondermi. Anche se ero un po’ in ansia tutto è andato bene e in una settimana ho preso confidenza con il veicolo e le strade. Per fortuna le mie highways non sono complicate come quelle del nj e nel mio caso il mio Garmin è facile da capire.

MAPU:
La mia prima guida è stata con il mio host dad con un Grand Cherokee completamente automatico.. non solo il cambio ma tutta la macchina è automatica! Le luci si accendono automaticamente, quando piove o nevica la macchina ti dice in automatico l’ora in cui finirà l’acquazzone e ti ricorda di fare attenzione! Una cosa fuori dal comune!
Comunque, la mia prima guida è stata all’interno di un parcheggio di un supermercato (ho esplicitamente richiesto uno spazio vuoto in modo da non poter far danni) ed è andata molto bene! Ci sono solo due pedali (freno e acceleratore) quindi non si può sbagliare, ma nel mio caso non ho un freno a mano come ero abituata io (ovvero una leva da tirare), ma un pedale da schiacciare.. e questo mi ha creato non pochi problemi, perché ogni volta mi dimentico di schiacciarlo!! overland-grand-cherokeeDopo aver preso un po’ di confidenza con il Cherokee ho guidato anche una Mazda, molto tranquilla, non troppo alta e non troppo grossa! L’unico problema che ho riscontrato per il momento sono le “Highways”, ovvero delle grosse strade che assomigliano alle nostre tangenziali che collegano le varie cittadine. Sono molto ampie e spaziose e non c’è mai troppo traffico, quindi vi chiederete, perché hai problemi? Perché al contrario delle nostre tangenziali in cui le uscite sono solo a destra, nelle highways (specialmente in NJ) puoi trovare uscite a destra o a sinistra indifferentemente e anche una dietro l’altra, quindi a me risulta difficile capire la strada corretta da percorrere! Fortunatamente sono dotata di un navigatore, che però ovviamente esprime le distanze in miglia, quindi non sempre riesco a capire quanto manca alla prossima uscita e più di una volta mi è capitato di perdermi!

Le vostre Au Pair
Susa & Mapu

Un pensiero su “Prime Guide negli States: ecco le nostre difficoltà

Lascia un commento