Persino le mie ansie hanno l’ansia…

Ciao a tutti,
Ho deciso di approfittare di un po’ del mio, poco, tempo libero per raccontarvi come vanno le cose a -25 giorni alla partenza.
Perché poco tempo libero direte voi, beh, quasi tutto il mio tempo se ne va dal lunedì al venerdì poiché lavoro full time e ,tra andata e ritorno, passo altre due ore e mezza ogni giorno sui mezzi di trasporto, visto che lavoro quasi dall’altra parte della città. Mi rimangono così solo i we a disposizione, nei quali si accumula quasi tutto e molti sono già pieni!
Diciamo che il mio umore è piuttosto variabile (un po’ come il tempo di questo periodo eheh) e passo da giorni in cui sono particolarmente ansiosa, a giorni in cui non penso minimamente al fatto che sto per partire! Non ho grosse paure, anzi sono molto felice. Ho solo e credo anche giustamente, alcune cose che mi preoccupano un po‘.gufo-disegnato,-la-fatica,-allarme,-caffe,-gufo-marrone-161655

La mia prima ansia deriva dal lavoro appunto. Ho passato le ultime tre settimane a pensare a cosa dire il giorno che annuncerò il mio licenziamento (il 3 giugno). Ho studiato versioni più o meno veritiere e sono giunta alla conclusione che racconterò una storia praticamente uguale alla realtà in modo da non impantanarmi, nel caso mi facessero domande a trabocchetto.

Le mie altre ansie (oltre a quelle raccontate nel post paure pre-partenza) nascono quando penso ai miei primi giorni in famiglia. Siccome sono una persona con un carattere un po’ chiuso e diffidente ho paura di fare una brutta impressione dal vivo non spiaccicando parola all’infuori di ah ok! Nice! I rapporti con la mia host family per ora vanno sempre bene e per quel poco che li ho conosciuti, mi sembrano abbastanza loquaci, mi auguro quindi che loro parleranno anche per me! XD A volte mi prende il panico se penso che magari durante la prima cena nessuno spiaccichi parola!Anxiety_575bf3_4651110

Un altro grattacapo, a cui ormai sto pensando da mesi, sono le sorti della mia macchina. Ho pensato a molteplici alternative, ma non ho ancora preso una decisione definitiva. Ogni suggerimento è ben accetto.

Per terminare sono un po’ stressata per le ultime cose che ho ancora da fare. Siccome mi piace portarmi avanti ho già fatto quasi tutta la valigia più grande e, per una cosiddetta “botta di culo”, ho avuto i miei dollari da una signora da cui vado, di tanto in tanto, il sabato pomeriggio,saltando così tutta la procedura da fare in banca! Devo però ancora occuparmi di:
-fare la patente internazionale
-cambiare iPhone
-stampare il pre-departure project
-finire di organizzare la mia festa e salutare tutti
-andare dalla parrucchiera l’ultima volta
-farmi fare le ricette dal medico e comprare le medicine/lenti
-fare il Tattoo che i miei amici mi hanno regalato per il compleanno/partenza
-finire i pensierini di benvenuto per la mia host family

Oddio scrivere questo post mi ha fatto di nuovo venire l’ansia!! XD

Concludo raccontandovi una conseguenza un po’ curiosa che lo stress ha su di me da qualche settimana a questa parte.
Come ben sapete io sono fissata con la cucina, il buon cibo e il mangiar sano. Nonostante la mia host family sia perfetta sotto questo punto di vista, non riesco a smettere di pensare a cosa e se mangerò la.foto (1)
Ho passato quindi le ultime due settimane a mangiare di tutto, assaporandone il gusto come se non lo mangiassi mai più.
Per farvi un esempio domenica sono andata in un locale tipico coi miei (andiamo al ristorante una volta all’anno) e ne abbiamo approfittato per “festeggiare” il mio ultimo pranzo in ristorante. Ho mangiato di tutto e ogni volta che facevo il bis pensavo che tanto sarebbe stata l’ultima volta. Non per niente ho fatto overdose di salame perché lo amo. Mia mamma, infatti, ad un certo punto mi fa: guarda che non stai andando a morire, visto che ogni volta che mangi qualcosa dici “sarà l’ultima volta”.
Lo so che non sto morendo, ma che ci posso fare?? Io amo il cibo e mi mancherà un sacco!

La vostra au pair
Susa

2 pensieri su “Persino le mie ansie hanno l’ansia…

Lascia un commento