I Rapporti con la mia Host Family

Ormai sono passati circa 4 mesi dal mio match con la mia famiglia e quindi oggi voglio raccontarvi come siamo rimasti in contatto per tutto questo tempo.

Qualche giorno dopo il match abbiamo fatto Skype ancora una volta. Il mio host dad mi ha mandato diversi link per farmi leggere qualche informazione sulla città dove vivono e poi ho chiacchierato tutto il resto della videochiamata con S. che mi ha mostrato la loro playroom e mi ha portato in camera sua dove “abbiamo giocato” .
I miei hosts mi hanno poi aggiunto su Facebook e devo dire che, almeno al momento, sono molto felice che lo abbiano fatto, perché anche se non messaggiamo tutti i giorni rimaniamo comunque in contatto. Ogni tanto loro commentano o mettono mi piace a qualche mio stato/foto e io, invece, vedo come se la passavano, come stanno i bimbi e faccio altrettanto!
Almeno una volta ogni due settimane chatto un po’ su Skype con il mio host dad, che mi racconta come stanno loro e come va il tempo (visto che faceva -20° e nevicava un sacco). Io solitamente gli dico che li penso e gli racconto un po’ della croce rossa e del lavoro.Averli amici su fb mi ha fatto anche capire diverse cose. Spesso quando chattavamo, oppure quando commentavano qualche mio stato e io gli rispondevo, morivano. Ho sempre pensato di aver detto qualcosa di sbagliato e che magari si fossero offesi. La cosa mi rattristava un po’, ma vedendo il loro fb ho scoperto che loro muoiono o danno risposte, che magari per me possono risultare fredde, anche ai loro amici. Ho quindi capito che per loro è proprio una cosa normale, quindi mi sono rasserenata.comm

A parte quella che ormai direi essere la routine per tenere i rapporti vivi gli avevo spedito:

Nell’ultimo mese, infine, mi hanno scritto per dirmi che a fine Agosto andremo una settimana al mare e la cosa mi ha fatto molto piacere, perché si sono preoccupati di informarmi e mi hanno anche mandato l’indirizzo della casa così che potessi farmi un idea della zona (da maps sembra molto diversa dalle spiagge in Italia, ma ve lo racconterò poi). Sono molto felice perché io non ho mai visto l’oceano e sono ormai due anni che non vado al mare e iniziava a mancarmi un po’!!

Abbiamo fatto anche una videochiamata il giorno di Pasqua dove i bimbi mi hanno fatto vedere il loro bottino pasquale e ci siamo scambiati gli auguri. E’ stata una videochiamata molto confusionaria e ho fatto un po’ fatica a stargli dietro, però sono stati tutti molto carini e mi hanno anche fatto vedere come sono bravi a suonare il pianoforte!

Penso di avervi raccontato tutto! Sono davvero molto felice della mia host family e di come sta crescendo piano piano il rapporto. 6 mesi sono davvero lunghi e la cosa mi spaventava davvero tanto perché non sapevo come sarebbe finita. foto 1Ormai invece manca solo un mese e mezzo alla mia partenza e sta andando tutto alla grande.
Sono delle persone gentilissime, compresa la loro attuale au pair con la quale ogni tanto messaggio e ha risposto ad un sacco di mie domande. Mi hanno aiutato tutte le volte che avevo qualcosa da chiedergli (ad es degli antistaminici, cosa magari banale per altri, ma per me fondamentale) e chiacchierare con loro mi fa molto bene, non solo perchè imparo cose nuove, ma perché visto il mio carattere molto chiuso, avere un minimo di rapporto alla base prima di arrivare può di sicuro facilitare il mio inserimento nella famiglia, cosa che di per se sarà già abbastanza impegnativa per me!

La Vostra au pair
Susa 

2 pensieri su “I Rapporti con la mia Host Family

Lascia un commento