Foto e Video Application

Ciao future au pair, come avrete notato non ci siamo soffermate molto su “come” compilare i campi della aupairroom per due motivi: abbiamo cominciato questo blog dopo aver già fatto tutto il percorso e non ci ricordiamo esattamente cosa abbiamo scritto, e non tutte le agenzie hanno lo stesso modulo application.
Per quanto riguarda AuPairCare, c’è una sezione che richiede l’inserimento di alcune foto (almeno 10) e un Video  e abbiamo deciso di svelarvi quali sono stati i nostri pensieri, anche perché, giustamente, le future aupair che seguono il nostro blog ci richiedono qualche post tecnico.

Per le foto entrambe abbiamo optato per delle foto con noi insieme a dei bambini, con noi e i nostri amici  e qualche foto singola in cui si vedesse bene come siamo. Molte (soprattutto quelle con i bambini) sono vecchie poiché scattate molti anni fa ma vengono comunque accettate, diciamo che l’importante è che si veda che siete voi.

Per quanto riguarda le foto singole abbiamo cercato di mettere foto abbastanza normali in cui si vedesse il nostro viso, oppure che riprendono il mondo dei bambini quindi molto fiabesche insieme a una carrozza o a un pony gigante rosa. Per darvi un esempio pratico, mettendo mi piace alla nostra pagina Facebook, potete vedere le foto caricate da Susa, (potete trovarle qui) mentre Mapu ha scelto per motivi personali di non caricare per il momento le foto su fb.

Sul video abbiamo avuto mille dubbi. AuPairCare richiede un video di minimo 2 massimo 3minuti e nelle linee guida dà alcuni suggerimenti: è meglio parlare di sé, dire come mai si è scelto di partecipare a questo programma e magari avanzare alcune richieste importanti per noi, ovvero se abbiamo una dieta particolare o il luogo in cui si preferirebbe vivere. Vi ricordiamo che la Au Pair NON può scegliere la destinazione poiché sono le famiglie che contattano l’au pair e non il contrario, ma può sicuramente scrivere nella lettera di presentazione o dire nel video quale sarebbe la sua preferenza.

Fissati questi punti ci sono mille modi per fare i video, a seconda della personalità della ragazza e dalle abilità informatiche. Per girare il video noi abbiamo utilizzato la telecamera dell’Iphone (Susa) e il programma della webcam installata all’interno del computer (Mapu). Molte au pair scelgono di creare un video con una parte parlata e una parte fotografica, ma sia Mapu che Susa hanno optato solo per un parlato. Nonostante la tipologia di video sia lo stesso il risultato finale è molto diverso:

Mapu:
Prima di tutto ho pensato a cosa volevo comunicare con questo video e mi sono preparata una scaletta degli argomenti da trattare. Per me era indispensabile farmi conoscere in un modo originale poiché secondo me le famiglie sarebbero state poco attente all’application in sé ma avrebbero prestato molta attenzione a questi pochi minuti di video quindi ho pensato di presentarmi attraverso 3 oggetti:
1) Come prima cosa ho mostrato una foto della laurea con i miei genitori e una foto con le mie migliori amiche per far capire che io tengo molto alla famiglia e alle amicizie;
2) Oggetti provenienti dal mondo dell’arte come una collana comprata a Casa Battlo a Barcellona;
3) Un pomodoro (e qua chi mi conosce sa che nessun altro oggetto mi rappresenta meglio) che simboleggia la dieta mediterranea. Io non sono fissata con il cibo come Susa anche perché mi piacciono le schifezze, solo che ho pensato che la loro idea di dieta sana secondo me equivale alla mia idea di schifezze, e che i metri di paragone sono differenti, quindi ho voluto rimarcare questo concetto.

Susa:
Io odio fare i video, mi innervosiscono un sacco perchè penso che un buon video debba essere editato al computer, quindi quando magari si girano scene diverse bisogna poi essere in grado di metterle insieme in modo che non sembri un mero collage. Bene io non sono capace a editare un video decentemente, figuratevi che ho perso la pazienza solo perchè dovevo tagliare un pezzetto all’inizio, uno alla fine e ruotarlo! Quindi tutte le mie idee (ad esempio mostrare pezzi della mia città, del mio giardino, il mio cane..) le ho lasciate da parte e ho deiciso che avrei fatto solo un discorso con inizio e fine in un’unica registrazione.
All’interno del video ho deciso di fare un riassunto di quello che era la mia lettera di presentazione, quindi mi sono scritta il testo in brutta, una volta corretto l’ho scritto in grande su due fogli e l’ho studiato a memoria.
Durante la registrazione ho affiancato i due fogli alla telecamera, così se mi scordavo qualche punto potevo leggerlo.
Vi assicuro che fare il video non è stato affatto facile, infatti l’ho registrato almeno 10 volte, perchè c’era sempre qualcosa che non mi piaceva e l’ho fatto solo perchè era obbligatorio.

I nostri video li potete trovare qui e qui

In definitiva comunque facciate il video ricordatevi di essere voi stesse! Non fate un video classico solo perché pensate possa piacere e d’altrocanto non fate un video estroso se la vostra natura non è così! La miglior soluzione è mostrarsi come si è, solo così si potrà trovare la famiglia giusta!

Le voste au pairs
Mapu e Susa

p.s Ricordiamo che il video dovrà essere fatto in lingua INGLESE! Noi ci vergogniamo molto per come abbiamo parlato perché non ci piace la nostra pronuncia.. ma non fateci caso e lanciatevi!

Lascia un commento