Motivazioni

Abbiamo deciso di fare questo post perché parlando con le persone ci siamo rese conto che non tutti capiscono il motivo per cui vogliamo diventare Au Pair, e le domande più frequenti sono:

– Hai una laurea (riferito a Mapu), perché vai a perdere tempo e non cerchi un lavoro?
– Hai deciso di prendere un anno sabbatico?
– Perché au pair?
– Perché vai laggiù per farti dare un salario basso?
– Perché ora che hai un lavoro (riferito a Susa) se decidessero di assumerti rinunceresti pur di partire?

Le motivazioni per diventare una ragazza alla pari sono milioni e sono tutte personali e non criticabili. C’è chi lo fa perché è appena uscito dal liceo e non sa se iscriversi all’università oppure no, oppure perché vuole un cambio radicale nella sua vita o per mille altri motivi. Per quanto riguarda noi, entrambe abbiamo cercato lavoro e non trovandolo (oppure trovando qualcosa che non ci assicura un futuro) è venuta voglia di cambiare vita e reinventarci.1920343_276958209126412_162981435_n

Bisogna però ricordare che NON è un anno sabbatico, o un anno di divertimenti. Una ragazza alla pari lavora tra le 35 e le 45 ore a settimana (come un normale lavoro full time), spesso anche il sabato, è regolarmente pagata e deve pagare le tasse come tutti i cittadini americani. Non si è pagati moltissimo (195 $/ week) ma avendo anche il vitto e l’alloggio incluso pensiamo sia una paga onesta per fare una vita decente. Non si diventa au pair per essere ricchi, né per avere 12 mesi di vacanza retribuiti, quindi prima di dire “Si, voglio farlo” mi raccomando, valutate i pro e i contro.

Noi lo facciamo non solo per superare le sfide che questo lavoro comporta e prepararci al futuro (stare lontano dai propri cari, vivere da solo, sapersela sbrigare davanti a qualsiasi ostacolo, convivenza con estranei…), ma anche per apprendere al meglio l’inglese cosa ormai richiestissima da tutte le aziende ad un livello pressoché madrelingua e diventare così delle persone “appetibili” nel mondo del lavoro

Per diventare au pair abbiamo e continueremo ad investire i nostri risparmi e visti comunque i tempi di crisi, a meno che non siate ricchi, per non buttare via dei soldi è bene essere sicuri della propria scelta.

Lascia un commento