Match: Mapu

Eccomi qui oggi a parlare della mia esperienza nella ricerca della famiglia con cui passare un anno intero della mia vita.
Nella lettera di presentazione dell’application ho scritto alcune cose importanti per me e consiglio a tutti di scrivere SEMPRE la verità perché secondo me la mia Family finale mi ha scelto anche per quello (e la stessa cosa è successa a Susa).

Andiamo con ordine:
il 2 Gennaio 2014 la mia application è online! AuPairCare ti manda una mail:

“Dear ….:Congratulations! Your application has been approved and is currently being reviewed by host families. AuPairCare au pairs typically match within 2 weeks of acceptance to the program.
Match Quickly with a Great Family”

Ricordandoti di controllare frequentemente la mail poichè le famiglie potrebbero scriverti in qualsiasi momento, e intendo proprio qualsiasi dato che dall’Italia agli Stati Uniti ci sono 6/9 ore di differenza!Eccomi qui oggi a parlare della mia esperienza nella ricerca della famiglia con cui passare un anno intero della mia vita.
Nella lettera di presentazione dell’application ho scritto alcune cose importanti per me e consiglio a tutti di scrivere SEMPRE la verità perché secondo me la mia Family finale mi ha scelto anche per quello (e la stessa cosa è successa a Susa).

E infatti…

Il 3 gennaio 2014 mi scrive la prima famiglia! Happy happy happy!!

Family 1. Alexandria, Virginia
La mamma mi scrive una mail dicendomi che sua sorella ha sposato un italiano di Firenze quindi i suoi nipoti sanno bene l’italiano e vorrebbe che anche le sue figlie lo imparassero! Ha già avuto due au pair di cui una è rimasta due anni (indice che si è trovata molto bene) e mi chiede un incontro su Skype per il weekend successivo.washington Dal profilo vedo che lei lavora alla Casa Bianca (woooooooo io guardo Scandal e appena ha detto “White House” mi si sono illuminati gli occhi) mentre lui lavora da casa per un’agenzia di Marketing di Boston.. hanno due bimbe molto belle di 5 e 7 anni.

Il mio primo pensiero è stato: Ti prego ti prego ti prego sceglietemi perché siete bellissimi. Il posto della casa era perfetto: a solo 15 minuti da Washington e ci arrivavano tutti i mezzi possibili, le bimbe erano belle e di un’età che mi piaceva (più piccole sarebbero state più faticose, più grandi troppo difficili) e i genitori sembravano ok!

Dunque fisso una Skype session per quel sabato..

Non avete idea di come fossi emozionata! Abbiamo avuto dei problemi su Skype quindi all’inizio continuava a cadere la linea e non funzionava il video ma poi finalmente ci siamo visti..
Come è andata??
Su Skype c’erano sia lei che le due bambine anche se in realtà si sono subito “acciuffate” e la più grande è andata via!
Quindi ho parlato con la mamma per tutto il tempo insieme alla bimba piccola.. la bimba era molto dolce e mi abbiamo letto insieme un pezzo di Pinocchio e parlato dei cartoni Disney.. mi aspettavo che la mamma si interessasse di più a me e mi chiedesse molte cose, invece era presa a far funzionare Skype (con cui abbiamo avuto problemi per tutta la chiamata) e a far giocare la bimba.. Inoltre io cercavo una mamma molto accogliente e “calda”, invece lei mi ha dato l’idea di una business woman sempre molto impegnata.
L’impressione è stata così così: nel senso sulla carta era tutto perfetto, l’orario di lavoro, le bambine, i genitori, i weekend liberi.. ma non so, non mi trasmettevano quell’emozione..say yes

 Io stavo cercando l’emozione dell’abito da sposa.. avete presente su Real time “Abito da sposa cercasi” quando Randy ( o chi per lui) si avvicina alla sposa e dice “E’ quello giusto?” e lei risponde “SI!” e tutti scoppiano a piangere?? Ecco mi aspettavo una cosa del genere!

Nel frattempo anche Susa aveva finito la sua intervista e ci siamo confrontate.. entrambe un po’ titubanti..Ma ho deciso di dare una seconda possibilità e subito dopo l’intervista scrivo:

“Hi family!
I want to thank you for the interview because I’m very happy to have the opportunity of meeting all the family: A. is very sweet and funny and C. seems charming!
I’m sorry for my english: I’m nervous and excited but I’ll improve my language, I swear!
I look forward to seeing you (and maybe the extended family) soon.. if you have any question, I’m here and I’ll happy to answer!”

E loro mi rispondono quasi subito con una mail simile dicendomi che mi avrebbero voluto rivedere per Skype! Fissiamo un incontro il weekend dopo perché nel frattempo sono partita per la Polonia e non avrei potuto avere accesso a Skype.

06 Gennaio 2014:

Family 2: Wayne, New Jersey
Anche in questo caso mi batte forte il cuore.. New Jersey, a 50 minuti da NY!! Mi sembrava un sogno, allora leggo subito il profilo ma non c’era scritto molto quindi decido di aspettare la mail..
new jerseyInfatti poco dopo la mamma mi scrive una mail lunghissima dicendomi che il marito ha origini italiane e le piacerebbe che i figli lo imparassero dato che tutti i “vecchi” della famiglia lo sanno, e poi mi ha scritto dettagliatamente i miei compiti e le ore lavorative.
Sicuramente sono stati molto premurosi nel dirmi tutto bene e spiegarmi ogni singola cosa (Io sarei la sesta Aupair, quindi è una famiglia esperta) ma non mi convincevano molto per due motivi: il padre parla l’italiano e le foto non mi avevano emozionato come gli altri.
Non fraintendetemi, a me piacerebbe insegnare l’italiano perché amo la mia lingua, ma temevo che dovendo parlare italiano non imparassi bene l’inglese!
Cmq i bimbi sono 2 gemelli di 6 anni (7 nel 2014), lei lavora da casa in un ufficio separato mentre lui lavora a New York (circa a un’oretta dalla loro casa).
Fissiamo l’appuntamento skype per il weekend successivo anche perché in quel momento ero in Polonia con Susa..

07 Gennaio 2014:
Il giorno dopo, subito un’altra famiglia!! Ero felicissima perché significava che il mio profilo era piaciuto, quindi con Susa guardo subito il profilo di questa new entry!

Family 3: Northville, Michigan
Ok, il posto non è granchè perchè in Michigan fa freddo e non c’è un granchè intorno ma mi hanno mandato una mail bellissima e mi sono innamorata subito! Mi hanno anche mandato un video di un harlem shake fatto da loro.. pazzi come me!

Le due pecche sono: il luogo e i 5 figli! Avete capito bene..5!!!!
Ho deciso comunque di dargli una chance perché la mail era pazzerella e l’harlem shake fantastico, e soprattutto non volevo fossilizzarmi sul luogo.. certo è importante, ma avere una buona famiglia lo è di più!
Nonostante il mio amore.. con mio grande dispiacere loro non si sono più fatti sentire, quindi next!
Devo ammettere che questa è stata però una grande delusione..

09 Gennaio 2014:
soli 2 giorni dopo.. una quarta famiglia!!

Family 4: Larchmont, New York
Posto molto bello, vicino a New York, ma di nuovo 5 figli da gestire! Decido comunque di dargli un’opportunità e provo a fissare il colloquio skype.. il problema è che avevo già fissato quello con la famiglia 2 (del Jersey) e ne avevo uno in forse con la famiglia 1 (di Washington) quindi non sapevo dove metterlo! Ci siamo scambiati diverse mail per accordarci sull’orario ma poi non mi hanno più fatto sapere nulla, evidentemente si sono scocciati… next!

Nel frattempo era arrivato il weekend (FINALMENTE) e il sabato avevo fissato il colloqui con la famiglia 2 (quella che non mi convinceva molto.. fino all’ultimo volevo annullarlo, ma ho pensato “Almeno lo confronto con il precedente”) e forse la domenica con la famiglia 1 che però arrivati a venerdì sera non mi aveva ancora detto nulla..

11 Gennaio 2014:

Colloquio skype con famiglia 2 (WAYNE, NJ). Al colloquio inizialmente c’è solo la mamma, poi arriva il papà e successivamente anche i due bimbi.. che dire..
Della prima famiglia mi ero innamorata dalle foto ma poi su skype non era andata molto bene.. loro invece non mi sono piaciuti nelle foto ma li ho davvero amati su Skype!!

love-and-happiness-edward-monkton-10g-tin-of-mints-44310-p

Lei è sempre stata gentile con me e anche quando non capivo mi diceva che non c’era problema e mi ripeteva lentamente, lui è figlio di emigrati italiani (il padre era del paese vicino a quello di mio nonno!) e mi ha anche detto qualcosa in italiano e lo parla bene, però mi hanno rassicurato che in casa parlano solo inglese (in quanto solo lui conosce l’italiano).

Ho parlato anche un pochino con un bimbo che mi ha detto che il suo piatto preferito è Chicken Parmigiana (Per chi non lo sapesse è un piatto che tutti gli americani pensano che sia italiano, quando ovviamente non lo è, poiché è stato inventato dagli italo-americani).
Mi sono sembrati molto friendly e avendo molta esperienza con le au pair si vedeva che erano a loro agio. Si sono interessati molto a me e mi hanno chiesto che città avrei voluto visitare e cosa avrei voluto fare. Mi hanno detto che il mio orario comprende anche il sabato per qualche ora ma di non preoccuparmi perché magari se voglio fare un viaggio ci mettiamo d’accordo e mi accordano anche il venerdì libero in modo da avere 3 giorni!!

Cose positive: la loro gentilezza, i bambini teneri dell’età giusta, la posizione, l’orario di lavoro, il NON parlare italiano in casa (che era la mia più grossa preoccupazione)

Cose negative: non mangiano insieme a cena ma prima mangiano i bimbi con la au pair e successivamente loro (a causa dell’orario di lavoro), non fanno vacanze né nessuna attività particolare mentre nella mia testa avrei voluto una family con cui fare molte attività come andare allo zoo, o al parco o a visitare le città.

Però ragionando e ragionando ho pensato che i viaggi li posso fare per conto mio o con le mie nuove amiche e le attività posso farle solo coi bimbi. Loro sono una famiglia che lavora molto e da quello che ho capito non hanno molto tempo libero quindi il weekend si riposano, cucinano e puliscono (cosa assolutamente normale)
Finita la conversazione con loro mi sembrava di aver scelto l’abito da sposa!! Ho chiamato Susa agitatissima perché mi piacevano davvero molto e avevo paura che qualcosa andasse male..
Mentre con un occhio guardavo la cena, e con l’orecchio parlavo con Susa mi arriva una mail..

“Dear Martina:

Congratulations on your match with host family …..! Please click on the link below and electronically sign the childcare agreement between you and host family ……”

OH MY GOD!!! Match match match!
Hanno richiesto il match (ovvero la famiglia si impegna a dire “io voglio proprio te e nessun’altra”) e se avessi firmato quel foglio avrei deciso il mio destino.. beh ho firmato il foglio ovviamente!
Ok, io sono una persona impulsiva ed emotiva ma evidentemente lo sono anche loro se hanno scelto di scegliere me dopo solo 1 ora (contate che non avevano fretta di trovarne una.. partirò a Maggio e siamo solo a Gennaio) quindi vanno bene per me!!
Evvivaaaaaaaa

E direte voi.. la family 1? Beh ci credete che non mi hanno detto niente fino a domenica mattina? Beh a me sembra un comportamento scorretto quindi gli ho risposto che avevo già fatto MATCH!

Quindi facciamo come le favolette di Esopo.. qual è la morale?

Non fatevi ingannare dalle apparenze e dalle foto, non fatevi trarre in inganno scegliendo una famiglia solo per il posto e non fate match con la prima famiglia che vi sceglie.. aspettate il vostro abito da sposa!!!per research

Detto questo non so se ho fatto bene a dire di si subito, ve lo dirò non appena arriverò li 😀

NB Un’altra cosa che io mi aspettavo in un modo e invece è andata proprio diversamente è stata la modalità di conferma del Match: non so se per tutte le agenzie è così, ma per AupairCare funziona che quando la famiglia richiede il match ti mandano la mail che vi ho incollato sopra dicendo di firmare.. beh niente di particolare, ma io mi aspettavo invece un pulsante sulla AuPairroom dove dire “si” o “no”.

N.B Non so come mai ma a me alcune famiglie scomparivano dall’Aupairroom e me le dava come “Past interview” anche se le stavo ancora sentendo.. non so dirvi il motivo.. all’inizio pensavo fosse a tempo ma poi Susa ha avuto una family che è durata a lungo sul suo profilo.. Consiglio: se una famiglia sparisce, non allarmatevi, piuttosto mandate una mail e chiedete spiegazioni!!!

N.B “at noon” significa a mezzogiorno!!

N.B Sono una sensitiva e sapevo che questa sarebbe stata la mia famiglia, come sapevo che la famiglia di Susa l’avrebbe scelta! Lei non mi ha creduto fino all’ultimo ma io non sbaglio mai!

 

3 pensieri su “Match: Mapu

Lascia un commento